.
Annunci online

anppia

Una coppia speciale

LETTI PER VOI 16/10/2008

Pubblicati gli atti del convegno svoltosi a Cagliari il 27 novembre 2006, raccogliendo gli interventi dei relatori: Carlo Dore, Eugenio Orrù, Annalisa Diaz e Chiara Spano, ma anche ulteriori contributi di Manlio Brigaglia, Francesco Cocco, Francesco Floris e Bruno Maiorca.
Un libro ricco di riflessioni e testimonianze che punta a ricostruire la vicenda umana e politica di questa coppia di appassionati antifascisti e strenui difensori della democrazia.
La figlia Chiara scrive che il lascito dei suoi genitori è “il richiamo forte a partecipare, a battersi sempre, dovunque, in ogni modo, per il progresso della democrazia che si raggiunge attraverso la crescita ideale e culturale e lo sviluppo economico, cioè il benessere di tutti”. Questo fu il senso profondo del loro impegno politico e civile, persino della loro vita personale.
Velio fu un prestigioso dirigente comunista profondamente legato alla sua Sardegna, capace di saldare la lotta per l'autonomia a quella per le riforme sociali e economiche; Nadia fu Costituente e grande protagonista del movimento femminile, in rapporto capillare con tutte le donne, e con uno sforzo di unità che aveva sempre come base la concretezza della vita e della lotta.
Per entrambi una vita politica o, come scrive Chiara Spano una “politica della vita”, che è “strumento di impegno per trasformare un mondo ingiusto in uno più aderente ai bisogni e alle richieste di chi produce con il suo lavoro”. (m. o.)


Velio e Nadia Spano. Due vite per la democrazia
a cura di Carlo Dore, Maurizio Orrù
Edizioni ANPPIA Sardegna, 2008, pp. 102
Blog letto1 volte

Categorie
tags
mafia la russa sicilia comiso anppia fascismo democrazia resistenza persecuzione costitzuione costituzione democrazia costituzione politica antifascismo repubblica di salò contributi statali pio la torre donne educazione civica mussolini
Link




ANPPIA NAZIONALE
CORSIA AGONALE 10
00186   ROMA

TEL. 066869415   FAX 0668806431
E-MAIL info@anppia.it

 



 Il Presidente Guido Albertelli